Mobilità transnazionale

La Commissione europea, già da qualche anno ha posto in essere  progetti di mobilità transnazionale rivolti a giovani svantaggiati e giovani adulti, ha messo a disposizione l’uso di vari strumenti a sostegno della libera circolazione dei cittadini per studio o lavoro e per l’apprendimento permanente.

In Europa i risultati nel ridurre la disoccupazione giovanile, si sono ottenuti nell’attuare,  in particolare, il sistema duale di formazione ed apprendistato, l’uso efficace del Fse nel rafforzare le competenze, anche attraverso tali progetti di mobilità transnazionali e le azioni di supporto individualizzato per l’incontro domanda-offerta nel mercato del lavoro locale. Il problema della disoccupazione giovanile rappresenta la priorità nell’attuale situazione europea: tra gli strumenti messi in campo vi sono le attività della rete Eures  (il servizio europeo della mobilità professionale). la Garanzia Giovani, YfEj (Your first EURES job) i fondi della programmazione Fse, la Youth Employment Initiative, il programma Erasmus Plus, etc.